top of page

Che cos'è e come si fa la riflessologia plantare?

La riflessologia plantare è una tecnica mediante la quale si ristabilisce l’equilibrio energetico del corpo, servendosi di un particolare tipo di massaggio che, attraverso la stimolazione e compressione di specifici punti di riflesso sui piedi, relazionati energicamente con organi e apparati, consente di esercitare un’azione preventiva e d’intervento su eventuali squilibri dell’organismo.

L’esordio della riflessologia plantare viene fatto risalire alle antiche civiltà, soprattutto orientali. All’inizio del Novecento, per merito di un otorinolaringoiatra statunitense, William Fitzgerald, si cominciano a codificare alcuni concetti in tema di riflessologia plantare. 

I piedi sono una struttura delicata, preziosa, fondamentale per una buona qualità della vita, che viene sottoposta a inevitabile sovraccarico quotidiano. Meritano quindi di essere oggetto di attenzione e di venir trattati con cura.

Quali sono le indicazioni  e quali benefici apporta?

La riflessologia plantare tende al miglioramento in tre ambiti principali: congestione, infiammazione e tensione. L’obiettivo è quello di eliminare gradualmente, durante le sedute, queste condizioni spesso interconnesse, riuscendo a ripristinare l’equilibrio del corpo. 

La riflessologia plantare è indicata per i dolori più comuni: mal di schiena, al mal di testa, sinusiti, gonalgie (male alle ginocchia), insonnia, problemi digestivi o di intestino, cistiticellulitestresscrampi, artrosi e ansia.

 

La riflessologia plantare ha delle controindicazioni?

La riflessologia plantare evita di trattare donne nei primi tre mesi di gravidanza. 

bottom of page